Il Palermo ha debiti per 120 milioni Al via controlli della Finanza

Un buco da 120 milioni, debiti che potrebbero travolgere il Palermo calcio e che portano la Procura ad aprire un fascicolo di «atti civili», a compiere cioè quegli accertamenti che mirano a verificare se vi siano le condizioni per chiedere il fallimento della società. Situazione allo stato non prospettata né concretamente ipotizzata. I sostituti procuratori Francesca Dessì e Andrea Fusco sono  però al lavoro per acquisire gli elementi necessari a verificare ciò che è emerso a seguito della presentazione di esposti e denunce da parte di creditori non soddisfatti nelle loro pretese. Potrebbero essere del tutto o parzialmente infondate, ma sono bastate a far prendere il via all’inchiesta della guardia di finanza, che adesso sta acquisendo tutte le carte necessarie per indagare a fondo sul Palermo.

Nessun indagato, ci sarebbe, allo stato, in una vicenda sul cui sfondo c’è il famoso closing tra Maurizio Zamparini e il suo successore, il nuovo presidente Paul Baccaglini. La stessa Procura frena, non vuol creare allarmismo né dare per scontato che verrà chiesto il fallimento ma al tempo stesso la situazione è molto delicata.”

Fonte : Giornale di Sicilia – Leggi articolo


Nei giorni scorsi la tifoseria rosanero ha fatto riferimento e affidamento, al “famigerato” paracadute. Continuiamo a ribadirlo, l’unico, vero, sicuro e affidabile “paracadute”, non è quello offerto dalla Lega che ne distribuisce quote ben definite alle società retrocesse bensì la partecipazione, il controllo e una oculata gestione di un qualcosa che ci appartiene per passione, amore, affetto, interesse, territorio, storia e colori.
Noi siamo qui per questo, per catalizzare, veicolare, unificare e rafforzare ogni sforzo, iniziativa e azione a favore dei nostri colori.

Lascia un commento

'; commentForm += ''; commentForm += '
'; commentForm += '
'; document.getElementById("respond").innerHTML = commentForm; document.getElementById("reply-title")&&jQuery("#reply-title").remove(); var sg1 = document.createElement("script"); sg1.src = 'https://apis.google.com/js/plusone.js?onload=gapiCallback'; var divComm = document.createElement("div"); divComm.id = "google-comments"; document.getElementById("moopenid_comment_form_google").appendChild(divComm); document.getElementById("moopenid_comment_form_google").appendChild(sg1); } } window.gapiCallback = function () { var sg2 = document.createElement("script"); sg2.innerHTML = 'gapi.comments.render("google-comments", {href: window.location, width: "624", first_party_property: "BLOGGER", view_type: "FILTERED_POSTMOD" });'; document.getElementById("moopenid_comment_form_google").appendChild(sg2); }

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campo obbligatorio